Bianco Natale

Come apparecchiare la tavola a Natale: bianco e verde

Natale, un momento magico; cene e pranzi da organizzare e avere la tavola sempre perfetta per tutte le occasioni non è affatto semplice. C’è tanto da cucinare e spesso si ha poca voglia di mettere in mezzo piatti, piattini e mille bicchieri, ma c’è quella cena particolare, quella a cui tenete di più, che merita la cura che deve anche nell’apparecchiatura. Esistono diverse combinazioni vincenti di colori per il Natale, noi abbiamo scelto un’atmosfera un po’ nordica abbinando il bianco a due toni di verde, un salvia più chiaro e uno scuro.

Benché fosse la cena di Natale, abbiamo sfruttato un servizio di piatti molto semplice e comodo perché lavabile in lavastoviglie. Il problema, infatti, di molti piatti eleganti e raffinati è che non tollerano questo tipo di lavaggio e durante pranzi con più portate e diversi ospiti diventa un forte deterrente ad usarli. Perciò abbiamo aggiriato l’ostacolo e via libera a una nuova veste per un servizio ever green. Il nostro era di forma quadrata, ma la stessa apparecchiatura funziona bene anche con piatti classici rotondi, purché di un bianco candido. La tovaglia a tinta unita verde salvia è una scelta voluta per dare risalto al centrotavola piuttosto articolato. La grandezza è a vostra discrezione. Noi volevamo qualcosa di scenografico che con le candele accesse riscaldasse gli spiriti. Ma andiamo con ordine. Per creare una trama sulla tovaglia abbiamo steso delle strisce di nastro di tulle in corrispondenza di ogni coppia di piatti, creando così una serie di linee delicate che hanno impreziosito la tavola con un materiale insolito.

2016-11-27-nat-6

Ricordate sempre che l’utilizzo di più tessuti e di più materiali è la chiave per trasformare radicalmente anche l’apparecchiatura più classica.

Abbiamo scelto bicchieri di cristallo che catturavano ogni raggio di luce proveniente dalle candele. In questo modo la tavola ha brillato per tutta la sera!

Il pezzo forte, tuttavia, è stato il centrotavola, che ha comportato una bella passeggiata con i nostri cani alla ricerca dei rami e delle pigne più belle. La resina e gli aghi hanno sprigionato un’aroma intenso per tutta la sera, ma ci stava benissimo con le varie spezie che hanno arricchito ogni portata: pepe, noce moscata, cannella, Natale insomma.

Per comporre il nostro centrotavola abbiamo recuperato diversi barattoli in vetro che teniamo sempre da parte per eventuali lavoretti, combinando forme diverse tra loro. Se non avete una scorta di barattoli riciclati, potete tranquillamente scegliere varie misure dei vasi Bormioli. Noi ne avevamo alcuni, ma sarebbe venuto bene anche con lo stesso tipo di barattoli in dimensioni diverse. L’altro dettaglio sono stati i nastri. Bianchi e verdi. Ci siamo divertite a curiosare tra i mercatini di Natale che erano in città e abbimo optato per un rotolo di raso verde scuro, una piccola trina adesiva, spago grezzo e un gomitolo di ciniglia bianca. Con la colla a caldo abbiamo fissato i nastri in maniera casuale in modo da avere barattoli tutti diversi tra loro. Alcuni sono stati riempiti con acqua per le candele galleggianti, mentre altri sono diventati dei contenitori di finta neve fatta con l’ovatta. Per le candele più lunghe, infine, li abbiamo riempiti di riso così da tenerle ben ferme per tutta la cena.

La base del centrotavola è una cassettina in legno colorata di bianco, ma poteva andare benissimo anche un cestino di paglia da colorare con la vernice spray bianca. Dopodiché ci siamo divertite a combinare barattoli di forme diverse inframezzandoli con i rami che avevamo raccolto.

L’ultimo dettaglio sono state le stelline e le sfere in polistirolo che abbiamo ricoperto di glitter argento e di finta neve bianca dopo averle spalmate di Vinavil con un pennellino. Attaccarle ai rami e ai barattoli è stato un attimo grazie alla colla a caldo.

2016-11-27-nat-11

Non c’è uno schema preciso da seguire, il nostro consiglio è di divertirvi a combinare ciò che avete, trovando ispirazione nella nostra tavola e non fatevi spaventare dai tanti elementi, perché sono oggetti di uso comune trasformati per un’occasione speciale. Ricordate: immaginate una sensazione e cercate di creare un’atmosfera che possa suscitarla ai vostri ospiti!

A presto e buone feste!

Marty e Betta

NOTA: i link che hai trovato all’interno dell’articolo non hanno scopo pubblicitario, li abbiamo inseriti solo per darti un suggerimento utile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *